logo

a Malgrate dal 10-11-12 al 26-11-12 :

 MOSTRA CARLO MAURI E=CM30

 Mostra fotografica in ricordo dell'alpinista Carlo Mauri

Quadreria Bovara Reina, via San Dionigi, Malgrate, (Lecco) [vai alla mappa]

lunedì-venerdì ore 18.30-22.00; sabato-domenica ore 11.30-13.30 e 17.00-22.00

Ingresso libero

A partire da sabato 10 novembre fino a domenica 26 novembre 2012 la prestigiosa sede espositiva della Quadreria Bovara Reina di Malgrate ospiterà la mostra fotografica denominata E=CM30, in ricordo del celebre alpinista lecchese Carlo Mauri.

A trent′anni dalla sua scomparsa la mostra evento E=CM30, che verrà inaugurata sabato 10  novembre alle ore 19.00, ripercorre la vita dell’illustre alpinista, oltre che esploratore e reporter e celebra le sue imprese attraverso un percorso di immagini, filmati e, soprattutto, racconti.

E=CM30 è l′acronimo di «esploratore Carlo Mauri alla trentesima». La formula richiama volutamente la celebre equazione E=MC2 di Albert Einstein secondo la quale “un corpo a riposo possiede la capacità di liberare energia trasformando tutta la sua massa o una parte in radiazione elettromagnetica”.

«Il ricordo delle imprese di mio padre – spiega Francesca Mauri, promotrice dell′evento - non vuole essere una mera celebrazione delle sue scalate o delle sue avventure, ma deve essere lo spunto per liberare nuova energia nei visitatori non al quadrato, ma alla trentesima. Solo così sarà reso il giusto omaggio al suo entusiasmo e alla sua voglia di andare oltre i confini». 

Nello spazio espositivo saranno a disposizione dei visitatori otto volumi grandi fotografici, realizzati con scatti e testimonianze dallo stesso Carlo Mauri, attraverso i quali saranno ripercorse le sue più celebri imprese: dalle scalate leggendarie insieme al gruppo dei Ragni - del quale Mauri fu uno dei fondatori - alle esplorazioni lungo il Rio delle Amazzoni, fra gli aborigeni in Australia e in Artide e Antartide.

Un volume sarà poi dedicato alle spedizioni Ra1 e Ra2: Carlo Mauri fu l′unico italiano a bordo di una nave interamente costruita in papiro che negli anni Settanta attraversò prima l′oceano Atlantico e poi l′oceano Indiano. 

Spazio anche al viaggio a cavallo ripercorrendo tutta la via della Seta (1972) e ai viaggi in Russia attraverso le quali l′esploratore lecchese portò in Italia e in Europa la tecnica chirurgica per allungare o modificare le ossa sviluppata del medico siberiano Gavril Ilizarov.

Infine, l′ottavo libro ripercorrerà tutte le imprese di Mauri attraverso le cartoline che inviava alla famiglia: un sorprendente viaggio nei viaggi. 

«Prima che alpinista ed esploratore, mio padre era un uomo che amava raccontare - continua Francesca - il mondo per lui era una sterminata storia da scoprire e riscoprire con tutti i suoi segreti. Segreti che spesso, la civiltà ha nascosto sotto un mantello, rendendoli misteriosi e invisibili. Ecco perché oltre a un esploratore e alpinista, mio padre è stato anche un grande narratore: a suo dire, Cristoforo Colombo non fu un grande perché arrivo per primo nel Nuovo Mondo, ma perché fu il primo a tornare e a raccontarcelo».

Orari di apertura al pubblico della mostra

Dal lunedì al venerdì dalle ore 18.30 alle ore 22.00

Sabato e Domenica dalle ore 11.30 alle ore 13.30 e dalle ore 17.00 alle ore 22.00

INGRESSO LIBERO

Evento organizzato da: Comune di Malgrate

Sito web: http://www.comune.malgrate.lc.it/

Locandina o altro allegato:

Note:

Segnalato da: gabrinver

[torna a inizio pagina]