logo

a Paderno d'Adda il 25-01-13:

 GIORNO DELLA MEMORIA PER NON DIMENTICARE

 GIORNO DELLA MEMORIA PER NON DIMENTICARE

Cascina Maria - Paderno d'Adda LC, via Cascina Maria 1, Paderno d'Adda, (Lecco) Ingresso stradina di fronte alla chiesetta Santa Marta [vai alla mappa]

21,00

Ingresso libero

 

COMUNE DI
PADERNO D’ADDA
Assessorato Cultura
Biblioteca e Istruzione
 
  
 
GIORNO DELLA MEMORIA
PER NON DIMENTICARE
 
VENERDÌ 25 GENNAIO
ORE 21 - CASCINA MARIA
Paderno d'Adda
 
“Se moriremo in silenzio come vogliono i nostri
nemici, il mondo non saprà di che cosa l’uomo
è stato capace, di che cosa è tuttora capace”.
Primo Levi
 
In occasione della serata verrà proiettato il documentario 
 
“La Risiera di San Sabba”
accompagnato dal concerto di
Arpa celtica 
I brani saranno eseguiti dal
M. Danilo Marzorati.
 
 
 
 

Le voci di San Sabba

 

Il processo per i crimini commessi alla Risiera di San Sabba

Un documentario di Andrea Giuseppini
Distribuito da Audiodoc
Durata 1h 30' Anno 2006
© Andrea Giuseppini

 
 
Durante l´occupazione tedesca, anche in Italia, a Trieste, ha funzionato un forno crematorio nazista. Un lager con una duplice funzione. Per gli antifascisti, i partigiani slavi e italiani, ma anche per gli ostaggi civili, è stato un vero e proprio campo di sterminio. Per gli ebrei, tranne un piccolo numero inizialmente soppresso e bruciato in Risiera, San Sabba ha rappresentato un luogo di smistamento e di transito verso la deportazione, e la morte, in Germania o nei territori orientali.
A trent´anni dai fatti, nel 1976, si è tenuto a Trieste un processo contro i crimini commessi alla Risiera. Un processo tardivo, preceduto da una istruttoria per molti aspetti insoddisfacente, e con la gabbia degli imputati vuota.
Attraverso la testimonianza dei superstiti, degli storici, dei magistrati, ma anche recuperando una parte delle registrazioni originali del processo, cercheremo di ricostruire gli aspetti più significativi di quella vicenda.
Il radiodocumentario è diviso in tre parti di trenta minuti ciascuna:

1. I testimoni
Nella prima parte abbiamo raccolto le voci e i ricordi di due dei pochi superstiti della Risiera ancora in vita.
Marta Ascoli, giovanissima ragazza ebrea, fu imprigionata per una settimana nel lager triestino prima di essere deportata con il padre ad Auschwitz.
Franc Šircelj, partigiano sloveno, rimase alla Risiera per cinque mesi. Una sera venne prelevato dalla cella, fatto spogliare dalle guardie naziste ed introdotto nella stanza del forno crematorio. A quel punto, inspiegabilmente, venne rimandato in cella a spinte e calci.

2. L´istruttoria
Nella seconda parte abbiamo ascoltato il giudice Sergio Serbo, il magistrato che tra mille difficoltà riuscì ad istruire il processo contro alcuni responsabili nazisti del lager di San Sabba.
Sergio Serbo racconta, tra le altre cose, di come la magistratura militare di Padova cercò di sottrargli l´inchiesta che stava conducendo. Operazione che se fosse riuscita avrebbe, molto probabilmente, sepolto i documenti sulla Risiera nell´ormai famoso "armadio della vergogna" venuto alla luce pochi anni fa.
Quella che abbiamo realizzato con Sergio Serbo è una delle rare interviste che il magistrato ha concesso. Certamente è l´ultima, perché il giudice Sergio Serbo è morto un mese dopo la nostra intervista.

3. Il processo
Nella terza parte Domenico Maltese, il magistrato che condusse il dibattimento, racconta del clima nel quale si svolse nel 1976 il processo di Trieste. Nel caso del suo racconto egli inoltre si sofferma a lungo sulla distinzione operata fin dalla fase istruttoria tra le cosiddette "vittime innocenti" e "vittime colpevoli". E´ questo uno degli aspetti più controversi dell´intero processo. Infatti, la sentenza che condannò in contumacia all´ergastolo l´unico nazista imputato ancora in vita, venne pronunciata solo per il crimine di aver ucciso e bruciato in Risiera un numero alto ma imprecisato di ebrei e ostaggi civili (le vittime innocenti), e non per le migliaia di partigiani e combattenti per la libertà che in quel luogo trovarono un´analoga terribile fine.

Nell´audio documentario "Le voci di San Sabba" si ascolterà inoltre la voce di due storici. Enzo Collotti e Galliano Fogar hanno cercato in particolare di fornire il contesto entro il quale si colloca la vicenda della Risiera.

grazie a: Istituto per la storia dell´età contemporanea di Sesto San Giovanni, per averci fornito le registrazioni originali del processo
Gianfranco Rados, per averci gentilmente concesso l´intervista a Franc Šircelj
Adolfo Scalpelli per aver curato il libro "San Sabba. Istruttoria e processo per il lager della Risiera", Aned Ricerche, Milano 1988
Marco Coslovich, per i preziosi suggerimenti
sep
storie e memorie | pubblicato su Audiodoc il 21.02.2008
sep

 

 
M. Danilo Marzorati
Danilo Marzorati nasce a Milano il 24
agosto 1949. Dopo varie esperienze
musicali con diversi strumenti
(fisarmonica, chitarra, contrabbasso,
sassofono, pianoforte) in età ormai
avanzata scopre l'arpa celtica ed è un
colpo di fulmine. Approfondisce lo studio
con numerosi insegnanti privati e si
costruisce un repertorio di musiche
tradizionali dei paesi del nord (Irlanda,
Inghilterra, Scozia, Bretagna).
Nel 2007 entra nella Celtic Harp
Orchestra, la più grande orchestra d'arpe
stabile al mondo e, grazie al direttore
artistico Fabius Conistabile, inizia un aproccio più fecondo con l'arpa,
scoprendo musiche moderne, nuovi ritmie melodie, che evidenziano la
versatilità musicale dell'arpa.
Nel 2010, con altri arpisti e strumentisti fonda il gruppo "L'Officina della
musica" che propone, oltre a brani musicali, la esecuzione di fiabe musicate,
unendo le capacità evocative della musica alla profondità psciologica e
terapeutica della fiaba.
Danilo Marzorati suona un'arpa celtica (tecnicamente detta arpa a levette) di
produzione francese e con 38 corde."
 
 
 

Evento organizzato da: Comune di Paderno d'Adda

Contatto: ANNAROSA PANZERI 349 8084324 aropanz@libero.it

Sito web: http://www.comune.padernodadda.lc.it/evento.jhtml?param1_1=N13c3de9e34cc9792583

Locandina o altro allegato: link all' allegato

Note:

Segnalato da: gxspda

[torna a inizio pagina]